Anonymous user Log in | Italiano · English

Paleobiologia stratigrafica

Written by Stefano Dominici on June 15, 2012.

La University of Chicago Press ha appena pubblicato il libro Stratigraphic Paleobiology, un testo che sintetizza il lavoro di stratigrafia e modellizzazione di Mark E. Patzkowsy e Steven M. Holland, coronamento di un'esperienza durata più di vent'anni. I due autori sono eredi della tradizione fondata all'Università di Chicago da Jack Sepkoski e David Raup, una scuola che basa lo studio del registro fossile su un approccio numerico e che è stato il motore, assieme alla ricerca e agli scritti di Niles Eldredge e Stephen J. Gould, del rinascimento paleontologico degli anni settanta. E' quel fortunato periodo che riportò la paleontologia "alla tavola alta" della biologia evoluzionistica e durante il quale nacquero il concetto di paleobiologia e la rivista che dal concetto prese il nome.
Il lavoro di Patzkowsy e Holland è meritevole in quanto coniuga hard data—informazioni raccolte sul campo e lavoro di stratigrafia fisica—a modellizzazione, aspetti spesso disgiunti nelle carriere professionali. Il valore del tutto particolare di quest'opera, tuttavia, manifestato dal nome semplice ed efficace della disciplina da oggi nota come paleobiologia stratigrafica, è aver dato nuovo corpo alla rivoluzione culturale della stratigrafia sequenziale che a partire dalla fine degli anni settanta ha cambiato prima il modo di vedere il registro stratigrafico, e ora il modo di vedere "la distribuzione nel tempo e nello spazio dei taxa fossili". L'esperienza dei due autori si trova pertanto alla confluenza di due rivoluzioni culturali, di una portata che va al di là della geologia in senso stretto per diventare patrimonio di tutta la scienza.
Il libro affronta alcuni temi alla base della pratica di ricerca in un crescendo di portata: quale e quanta parte di realtà è rappresentata da un singolo campione, l'influenza dei concetti di nicchia e gradiente ecologici nella definizione delle associazioni di specie, i metodi statistici d'indagine, il controllo stratigrafico nella distribuzione dei fossili, come cambia la nostra comprensione della storia della vita nel tempo geologico. Il valore di sintesi si arricchisce del contributo di altre discipline oggi più vicine alla moderna pratica paleontologica come l'ecologia e la statistica, ciò che lo rende uno strumento efficace per la moderna didattica universitaria in corsi specialistici e scuole di dottorato, con ricadute nei campi più disparati, dalla biostratigrafia alla geologia del sedimentario. La lista bibliografica è molto ricca e rimanda al gran numero di esperienze pratiche e teoriche che hanno portato alla nascita della paleobiologia stratigrafica. Un testo indispensabile per chi fa ricerca paleontologica.

Mark E. Patzkowsky & Steven M. Holland 2012
Stratigraphic Paleobiology.
Understanding the distribution of fossil taxa in time and space.

The University of Chicago Press.

(partially in English)